Trekking Fotografico – Marzo ’23

18/19 Marzo 2023
Massiccio del Mottarone, Alto Piemonte (Vb)
Limite di 6 partecipanti (3 posti rimasti)
In breve: trekking fotografico con pernottamento in tenda alla scoperta degli angoli più remoti del Parco del Mottarone

Per la quinta edizione del Trekking Fotografico ho deciso di condurti in uno dei miei luoghi del cuore. Sono perdutamente innamorato del Mottarone, una montagna che ho imparato a conoscere oltre la sua vetta, scoprendo un territorio selvaggio da cui si può godere di alcuni dei più bei panorami di tutto l’arco alpino.

Il trekking fotografico è un’esperienza unica: non si tratta di un corso di fotografia, ma di una vera e propria avventura di due giorni in cui sarò la tua guida e tutor. Da anni esploro le montagne di tutto il mondo, utilizzando la fotografia come strumento di connessione con l’ambiente. Ti guiderò non solo nel paesaggio esteriore, ma ti aiuterò ad affinare il tuo occhio fotografico, oltre che a farti scoprire la bellezza di un trekking di due giorni con una notte in tenda, che rende tutto più magico e speciale.

Il Mottarone è il setting perfetto per quest’esperienza: a fine 1800 un conclave di nobili ed artisti si riunì per decretare la vetta col migliore panorama di tutto l’arco alpino. Dopo lunghe discussioni e votazioni, il Mottarone vinse questa difficile sfida, superando ogni destinazione, comprese quelle di Svizzera, Austria e Francia. Fuori dalla sua affollata vetta però il Mottarone cambia faccia, diventando molto più introspettivo: boschi stupendi e poco frequentati da cui bellissimi affioramenti rocciosi emergono creando forme uniche, come quella della foto in copertina. Ti invito a guardare anche le foto in fondo all’articolo per altri spunti su questa bellissima montagna.

Insieme ci incontreremo in Alta Valle Agogna, un luogo già decisamente poco conosciuto, e di grande atmosfera. Risaliremo bellissime faggete, costellate di piccoli alpeggi, alcuni ancora oggi abitati da anziani che fanno una vita praticamente da eremiti. Emergeremo quindi in vetta, godendo del suo spettacolare panorama. Usciti dalla zona della vetta, dormiremo in tenda in un luogo spettacolare, da cui il Lago Maggiore e le piccole cittadine delle sue sponde sembrano un presepe. Il giorno successivo compieremo un giro ad anello, scoprendo le spettacolari strutture rocciose, rientrando in Alta Valle Agogna attraversando un piccolo borgo di rara bellezza. I dettagli di questo anello sono coperti dal Patto del Non-Racconto, che puoi trovare più sotto, a cui ti invito ad aderire.

Il trekking sarà di difficoltà E con qualche breve tratto EE o fuori sentiero. Tecnicamente quindi non sono richieste particolari abilità, ma non è un trekking adatto a chi non è abituato a camminare in montagna, sia da un punto di vista fisico sia per l’abitudine a muoversi su terreno sconnesso. Dormendo in tenda, avrai sulle spalle uno zaino pesante, con cui dovrai affrontare un dislivello di circa 900 metri il primo giorno e 400 il secondo. Scarsa resistenza o passi troppo lenti vanno inevitabilmente a compromettere l’esperienza di tutto il gruppo. Detto questo, il passo non sarà certamente veloce e faremo molte pause: la nostra comune volontà è connetterci all’ambiente attraverso la fotografia, portando i nostri strumenti e la nostra sensibilità in ambienti magnifici.

A Marzo sul Mottarone le temperature notturne possono essere piuttosto basse. Proprio per questo, se il tuo non è abbastanza caldo, ti metto a disposizione un sacco a pelo comfort +4, oltre che cucinarci insieme una cena ed una colazione belle calde. Quello che ti chiedo è di metterti in gioco con un po’ di spirito d’avventura ed adattamento alla situazione: durante un’esperienza del genere l’energia che portiamo influenza tutto il gruppo.

L’obbiettivo di questi due giorni sarà lavorare sulla capacità di essere fotografi durante un lungo trekking, migliorando la scelta dei soggetti, la capacità di cogliere il momento e la conoscenza della propria attrezzatura. 

In caso di meteo instabile o in caso il gruppo preferisca, il pernottamento si svolgerà in una baita gestita.
In caso di equipaggiamento inadeguato o inadeguata capacità fisica, mi riservo di escludere i partecipanti dal trekking al fine di garantire la sicurezza del gruppo.

A chi è dedicato: fotografi principianti ed amatori con un discreto allenamento di trekking.

Dati tecnici:
– Località: Alta Valle Agogna, Gignese (Vb)
– Tipologia di percorso: ad anello
– Durata: 2 giorni con pernottamento in tenda
– Distanza totale: 30 km
– Dislivello positivo totale (D+): 1300 m (900 il primo giorno)
– Difficoltà tecnica: E (escursionisti) con brevi tratti fuorisentiero/EE
– Massima elevazione: 1491 m

Programma di massima:
– Sabato 18 Marzo: ritrovo a Gignese h 8:30. Durata 5h più le pause, dislivello 900 m D+ 300 m D-
– Domenica 19: 4h più le pause, 400 m D+ 1000 m D-, rientro all’auto nel tardo pomeriggio

Cosa ti chiedo:
– voglia di camminare
– voglia di mettere in gioco la tua fotografia
– coscienza del tuo stato fisico e psicologico
– portare un’energia positiva nei confronti dell’esperienza e del gruppo
– adesione al Patto del Non Racconto*

Patto del Non Racconto: ci sono luoghi così rari e preziosi, che meritano di non essere raccontati. Questo per tutelare sia l’integrità ambientale del luogo, sia per non trasformarle da mete selvagge a spot turistici.
Scegliendo le mie proposte escursionistiche, scegliete di compiere un percorso esplorativo fuori dalle più comuni mete, e per questo vi chiedo di cooperare con me nel salvaguardarle. Vi chiedo quindi di non rivelare pubblicamente nel dettaglio i luoghi di questa escursione, e nel momento che pubblicheremo sui social stories o immagini della nostra avventura, manterremo il riserbo sul nome dei luoghi e sull’itinerario esatto da noi seguito. La salvaguardia passa dalla coscienza individuale, e scoprire con passo leggero un luogo d’alta quota è molto diverso che vederlo su un social e volerlo visitare a tutti i costi.

Materiale necessario (ti fornirò una checklist dettagliata):
– abbigliamento e scarpe da trekking
– guanti e cappellino
– zaino da circa 40 l
– lampada frontale
– necessaire da toilette
– piccolo sacco per la spazzatura
– cibo per due pranzi e snack (panini, frutta secca…)
– materassino leggero
– sacco a pelo con confort inferiore a +4 (te lo posso fornire)
– tenda leggera (te la posso fornire in condivisione)
– telefono cellulare carico ed in risparmio energetico
– bastoncini da trekking, macchina fotografica e power bank (facoltativi)

Prezzo:
280 € a persona
220 € early bird entro il 31 Gennaio
Chiusura iscrizioni 5 Marzo

Caparra: 120 € tramite Paypal o bonifico bancario
Saldo al ritrovo in contanti.

Iscrivendoti prima, oltre ad avere uno sconto, mi aiuti col progetto, dandomi fiducia e rendendolo più bello e completo.

La caparra è rimborsabile solo in caso di annullamento da parte degli organizzatori. In caso di meteo pericoloso  verrà proposta una nuova data, con possibilità di restituzione di metà della caparra in alternativa. In caso di semplice pioggia il trekking avrà luogo ugualmente con pernottamento in baita gestita.

Nel caso di pernottamento in baita gestita, il costo indicativo è di 15 € a persona più 80 € da dividere tra i partecipanti.

La quota include:
– tutoring e workshop fotografico per 2 giorni
– guida escursionistica per 2 giorni
– cena liofilizzate (opzione vegetariana disponibile)
– colazioni a base di avena disidratata
– utilizzo del filtro dell’acqua
– eventuali tenda leggera e sacco a pelo +4 confort (disponibilità limitata)
– consigli sul campo

La quota non include:
– pranzi al sacco, snack e cibo extra acquistato nei rifugi/bar
– tutto quanto non specificato sopra

Iscrizione:
Tramite questo link
oppure
tramite email hello@luca-fontana.com

Per completare l’iscrizione è necessario il pagamento della caparra. Il saldo avverrà all’arrivo in contanti.
Posti limitati a 6 partecipanti. Il trekking avrà luogo con almeno 4 partecipanti.

Se hai domande puoi scrivermi o chiamarmi:
+39 3427054372

E qualche foto in più:

VIEW ALL STORIES